Hostaria di Bacco

Lieti di accogliervi!

Veniamo da lontano...Ci presentiamo...

Erminia la mamma, con Pietro lo chef in cucina. Raffaele il marito, al Comune a fare il Sindaco da una vita, ma sempre pronto a narrarVi storie, luoghi, persone.

Letizia e Domenico, i figli, rispettivamente al ricevimento e in sala. Zia Italia ai piani, e poi un nugolo di collaboratori.

Fu il nonno Raffaele ad aprire la Trattoria Bacco nel 1930, quando Furore davvero non c'era!

Fin da quegli anni il consenso fu unanime e Bacco diventò presto un punto di riferimento per buongustai.

Nel prestigioso "albo" dei frequentatori dell'epoca  possiamo annoverare illustri personaggi del mondo della cultura, dello spettacolo , della politica.

Siamo orgogliosi del nostro passato nel quale abbiamo "pescato" la dedica del grande Raffaele Viviani, che riportiamo integralmente:

 

Al carissimo Don Raffaele Ferraioli,

magnificientissimo e ospitalissimo ristoratore,

degno dei fasti di Lucullo,

con simpatia,

Raffaele Viviani

 

 

P' Agerola saglienno d' 'a Custiera,

'nfilata 'int' 'a Balilla, dolce Amore,

te porto 'na dummeneca a Furore.

Paesiello 'e monte, appiso 'ncopp' 'o mare,

llà 'nce sta Bacco, 'nu guappo trattore,

'na loggia scicca, ch' è 'nu belvedere 

e 'o proprietario, n' ommo tutte core.

Affabile, aggarbato e cu' manere

pronto a te fa' accoglienza, accussì caro,

bussa cchiù all'amicizia ca a denaro,

ca si 'o canusce pruove gran piacere!

 

'Na tavulata sott' 'o pergulato,

'na cumitiva 'e curazzone allere,

brinneso alla salute, via 'e penziere!

Cu' 'o vino cchiù preziuso e prelibato,

fritture 'e pesce frisco, 'e calamare,

'nu piatto 'e vermecielle ca par' oro, 

e pe' tramente magne e guarde 'o mare.

 

Ncopp' a 'na fisarmonica sfiatata

'nu viecchio ancora arzillo e pazziariello

te sona 'o sole mio, marenariello,

fenesta  vascia e dove sta Zazà.

Po' sazio e soddisfatto vide a Bacco,

cu' 'a cuppulella 'ncapa e 'a pippa 'mmocca,

'o pullovero, 'e mmane dint' 'a sacca...

Don Rafe', chistu cunto v' 'o pagh' io,

'o vvulite sape' : "Site 'nu Dio!"